A c@**o di cane #1

Il problema non è tanto gestirla, è avercela una famiglia.
Mucca puntuale come il ciclo mestruale, ogni volta che torno dalle ferie, è lì, all’erta, per chiedermi “QuandoCiVediamoQuandoCiVediamoQuandoCiVediamoQuandoCiVediamoQuandoCiVediamo”, ovviamente a carico mio il lato cibarie e affini, e nello stesso istante in cui leggo il messaggio sconvolgente su Facebook, ho una visione, modello Medium, dell’ilare serata a cui sarò sottoposta se dico “si”.
Racconti dei progressi della mia orribile figlioccia.
Aspettative sui souvenir.
Domande retoriche sul “quando ti sposi/quando procrei”.
Solite considerazioni sui mobili del mio salone, dell’Ikea, che grande invenzione e soprattutto la solita constatazione della comodità della poltrona rossa, il suo successivo spostamento e l’accarezzamento del bracciolo per enfatizzare la constatazione della comodità della suddetta poltrona.
Immaginarla seduta contrita sulla mia sedia blu coordinata al tavolo del terrazzo e constatare che – nonostante la mole di grasso – per fortuna non occupo anche lo spazio fra bracciolo e seduta e soffocare la successiva risata dovuta dall’immaginare la scena di lei che si alza con la sedia appiccicata e incastrata al fondoschiena.
Ora, considerando che il mio compleanno si avvicina e che ho già il terrore del “regalo da 5 euro” che in qualche modo dovrò occultare/riciclare/sfruttare per la Tombola degli Orrori di Natale, mi chiedo se è così insensato e poco educato dire “oh, ma perché non te ne stai a casa tua e io a casa mia e proviamo a ignorarci a vicenda?”