I’m Choosy

I’m Choosy, quando il mio direttore editoriale paga a spizzi&menozzi e io faccio ripetizioni per pagare le bollette e l’estetista e il libro che mi salverà dall’abisso della TV
I’m Choosy, quando a 18anni andavo a pulire i cessi, senza manco pensare a quello che stavo facendo.
I’m Choosy, quando da Roma vado a Napoli, aggratis, col Treno dei Matti, per fare il mio lavoro aggratis per un futuro migliore, pure se non mi reggo in piedi.

I’m Choosy, quando invece di andare a letto, correggo un pezzo di una collega e amica, perché lei è in difficoltà.

I’m Choosy, quando metto sulla bacheca del Conad “Simpatica 32enne con anni di esperienza impartisce ripetizioni a bambini delle elementari” per pagare magari anche la benzina.
I’m Choosy, quando, per scrivere e leggere, farei anche la cassiera alla Coop.

Cara Ministra Elsa Fornero, io una cosa la voglio sapere: quando avevi la mia età, eri Choosy anche te?!
E tua figlia è stata Choosy?

Ci avete chiamato Bamboccioni, Choosy, ci dite che siamo disoccupati, che se a 28anni non siamo laureati siamo dei falliti, ci chiedete scusa, perché ci avete scippato la nostra generazione.
C’è che io Choosy non lo sono mai stata. E mi girano i coglioni.
Ma grazie a te, Elsa, so una nuova parola.
Choosy.
Grazie, Elsa.

Annunci