Andare a cogliere le olive a Bitonto

Prendete 4 ragazze giovani simpatiche e carine – una giornalista appassionata di cronaca nera e cadaveri, una photo editor appassionata di reportage sociale, un’addetta a montaggio e produzione video, una che si occupa di diritti e integrazione – mettetele dentro la libreria Arion al Palazzo dell Esposizioni di Roma, davanti a Mario Sechi. Che dice, in tranquillità e onestà, che l’Italia è afflitta da una cosa che si chiama “Gerontocrazia Democratica” e ti fa pensare in un lampo che Berlusconi nel 2013 si ricandiderà, ancora, e che avrà 77 anni. E se li porterà benissimo. Sechi, che la photo editor reputava una Bestia Nera, fa un rapido confronto con gli altri “Leader” europei e non: in media, 50anni, giovani, istruiti, sposati, forse monogami.

E’ lanciatissimo, Sechi, nel dirci che la politica noi giovani ce la dobbiamo prendere e che siamo un po’ troppo delicatucci e rifiutiamo spesso lavori “degradanti”. Ecco, è così che quando dice “io a 14anni andavo a lavorare in campagna”, a me e Pamela ci è venuto in mente che possiamo mollare gli anni di studio, la fatica, le foto io e i tagli ai “I menù di Benedetta” lei, e andare a raccogliere le olive a Bitonto.

Ero partita con le migliori intenzioni di scrivere un post su quanto noi giovani siamo disperati e davvero afflitti ma non ce la faccio proprio.

Vi dico solo che andremo a raccogliere le olive a Bitonto. E pure a Molfetta.