Aggiungi un posto in redazione.

Stamattina felicemente il mio capo mi presenta il nuovo collaboratore.
V.S.
Diciamolo: non sono al meglio della forma.
Essendo finesettimana, ho chiuso le saracinesche della mia settimana lavorativa molto intensa, fra incomprensioni e devianze psitiche di gente malsana che dovrebbe prendere una padella di ferro e darsela sulla faccia. Nella mia testa risuonano i Francesco Ferdinando, canticchio Ulysses, mi sento Alex Kapranos che saltella sul letto.

Arriva il mio capo filomonarchico, anticostituzionalista, borghese, massone, vaticanista, mangiapreti, anarchico, comunista, socialista, ma soprattutto Grande Capo Indiano Sono Stanco e mi fa “Cara BuenaGirl, codesto giovin signore si appella V.S, è uno specializzando di una prestigiosa università di Milano e te devi formarlo alla dura legge del giornalismo artistico. E’ nelle tue mani.”
Ripenso al post in cui ho denigrato Milano e quindi capisco che il Demiurgo mi sta mandando un segnale.
Se ne è appena andato via un pezzo di Karma. Un altro.
La mia prossima reincarnazione sarà in un odiato punteruolo rosso. Che non potrà usare internet per ovvi motivi, la Guardia Forestale mi ucciderà mentre succhio il Cuor di Palma a Sabaudia. Ma vabbè, ormai è andata.
V.S mi appare in lontananza. Leggo il curriculum, ha 27 anni è dell’operoso e industrioso nord, laureato e….. scrive poesie. Che animo dolce. E te le hanno anche pubblicate, esci come terzo risultato su Google. Bello. No no non ti sto prendendo per il culo, bello davvero, ma a me il maschio che scrive poesie, adesso, e che non sia Pavese o Montale, o Garcia Lorca mi fa un po’ impressione. Criptofrocio anche te?! No scusa, non ti sto dando del frocio.
Parliamo di musica? Cosa sai dell’Indie Pop? Ascoltato l’ultimo dei Franz Ferdinand? O che ne so, possiamo parlare di Tenco, de Le Luci della Centrale Elettrica, del concerto di Springsteen a Roma il 19 di luglio… Insomma… PARLA!!
Se non vuoi parlare vai a vedere la Vecchia a Villa Torlonia e non rompere le balle….
Ma qui c’è la parte bella. Lui ha scritto anche un romanzo. Wow. Sai, se non fossi così seppia mi piacerebbe scrivere un romanzo.
Il suo narra di amori contrastati, di famiglie per bene e di una figlia divorata dall’odio che….. bla bla bla. Mi sa di…. Moravia. Ecco. Moravia con “Gli Indifferenti”. Ci sta anche bene un tocco di Beatiful. Intanto da lontano una voce si fa strada. Riecheggiano parole come “Pessima“, “Becera“sessorazzista“. Le uccido. Con la padella.
Il tipo però è a posto alla fine: sa scrivere, non mi scriverà mai po’ con l’accento, non metterà mai accenti dove non servono, sa parlare.
Si definisce “tuttologo“. Lì clamorosa è la mia risata, lì mi sbottono, rido, rido e ancora, rido.
Oramai rotolo dalle risate.
No scusa, è riso isterico.
Lo guardo meglio. Lo guardo intensamente. Lo fisso.
Ancora. C’è qualcosa nel suo viso che non mi torna.
I capelli li ha. Ha 2 occhi. Un naso… poi capisco. Un lampo di genio. Ha delle sopracciglia innaturali. Sottilissime, affusolate, che sono anche meglio delle mie. Curatissime.
Mi torna un’altra voce, dal basso che sussurra indecenze, ma a quel punto è fatta: questo ragazzo ha qualcosa che mi turba.
E mentre lo fisso non so perchè me lo immagino tutto in tiro che balla una cosa chiamata Reggaeton e di cui ho scoperto l’esistenza da poco.
Non lo so perchè.
Poi lo guardo meglio e capisco che al massimo potrebbe rifare i video di Tiziano Ferro in camera da letto.
…..
Scusa, ma potresti denunciare per vilipendio alla tua faccia l’estetista che ti cura l’immagine?

Ma lui continua a chiedermi come si fa un accredito stampa, che deve scrivere e dove, che taglio deve dare alle foto e perchè il giornale non ha un suo fotografo e perchè siamo tutte donne e perchè deve prendere ordini da me…. STOP.
Ordini…
…. da me?

Bello, io non do ordini: ti ho detto che, data la mole di lavoro, e dato che la casella di posta la gestisco io, ho creato una cartellina per te dove amorevolmente sposterò i comunicati stampa che ti riguardano, dove troverai quello che puoi fare oggi, domani dopodomani, che una digitale la puoi portare sempre con te e non serve essere Berengo Gardin per scattare due, dico due, foto a una mostra.
Mi dice che vorrebbe scrivere anche lui per la rubrica di fotografia, che è un esperto, che sa tutto, lui è un “tuttologo”. Ma Bello, la stai facendo fuori da vasino. La rubrica è MIA. Lo dico con una lieve inflessione degna de L’esorcista

Nella mia tuba d’Eustachio riecheggia la sua voce. Io nel frattempo penso alla metafora della mia vita da Seppia, penso a Wisin & Yandel che ballano in mezzo alle gnocche, penso misera me, tapina me, penso che stasera voglio il passato di verdura….
Silenzio.
“Ok, hai capito?” dico io sognate, nel frattempo mi sono fatta anche una sveltina.
“Non molto, avrei qualche obiezione” dice lui, con le sopracciglia rifatte.
“Ohi, hai presente il tipo un po’ anzianotto, quello che fuma 3000 Ms Multifilter al giorno, lui, il Capo filomonarchico, reazionario, massone, iscritto alla P2, intimo di Gelli, amicone dell’Ottavo nano speranzoso che vuole fare il ponte sullo Stretto, nano che te hai ovviamente votato?”
“…… si”
“Ecco, vai da lui e lamentati. In fondo io svolgo solo le funzioni di Caporedattrice….

Annunci

Facebook, la vendetta.

Su Facebook intrattengo ben 25contatti con 23 amici e 2 associazioni.
Sono membro di Afterhours, Adotta anche tu un Surfista californiano di 20 anni, Liceo Classico “Dante Alighieri” – Latina, fan di Philippe Daverio, di Alvaruccio e Camilla, Pan di Stelle, Nutella, Stewie Griffin, Keroro, Mordecai Richler.

23 contatti di cui molti sono in ambito lavorativo. Comprendono la mia collega preferita Ro, il FotoGrafico, il Web Master, l’addetta stampa, il Giornalista Chic aka Paul M, la mia consulente finanziaria nonchè amica di infanzia, Amica di infanzia anche Barista, Amica Estetista, seconda amica estetista, Grafico organizzatore d’eventi pontini, Pittore amico d’infanzia, compagni di liceo, compagni di banco e di versioni di greco del liceo aka Paolo & Antonio, l’amico toscano di Siena, verace toscano che ha in più fidanzata tanto toscana che lavora perfino alla Coop, la Scrittrice aka ElasticGirl.
Odio i messaggi interpersonali, per me è uno strumento di lavoro, da visibilità al mio lavoro. Quindi cazzi miei 0.

Ma Facebook raccoglie anche: l’ex di mia cugina chiamato “Luca Din Don Dan” per testicoli appesi più appesi del solito (e orribili a quanto pare, simili a dei fichi secchi…mha), la sorella di Din Don Dan che è una criminale, persone di cui ho dimenticato l’esistenza, Mr196cm di pura bastardaggine, l’artista che “per 50€ ti vendo un quadro e ti scopo anche”, ragazzini ipersviluppati di 15anni e tanti ormoni, sorelle di tali ragazzini vuote a perdere di cui io ho già narrato qui (si veda D.P), che sono legati ad altre persone che consoco e che mi dimostrano quanto Latina sia un buco di città, molto più simile a una Latrina.

Ad esempio, perchè Lory conosce Luca Din Don Dan? Perchè il fratello scemo di D.P conosce colui che ha tormentato i miei maledetti 3 anni di scuola media? Perchè D.P continua a scrivermi “dai diventiamo amiche!” e io penso che quando Dio o chi per lui ha distribuito l’intelligenza lei stava già facendo pompini.

Ecco. Facebook è un socialnetrimorking, che non ha nulla a che fare col lavoro…. porta solo brutti ricordi…

Very Inutil People

Mattina.
Latte, miele e merendina ricca in fibre che già dal nome dice tutto “T.V.B”.
Come dire “inizio la mia mattina coccolando il mio intestino, già soffro di colon irritabile figurati se poi s’incazza anche l’intestino”.
Sonno.
Sei in piedi dalle 5 perchè hai deciso di avere le extrasistole e cuore e respiro sono asincroni, nonostante siano stati per anni campioni di nuoto sincronizzato. Hai 28anni e pensi che se ti fa male il braccio sinistro non è perchè ci ha dormito il gatto che pesa 6pesanti chili ma perchè stai per avere un infarto. Senti questo sintomo da 7anni ma te pensi che sia pur sempre un infarto.
Caffè
Decaffeinato Hag. Col sospetto che invece del vapore per togliere la caffeina usino il Viakal.
Gatto.
Miagola perchè ha fame, lui è uno stomaco montato su quattro zampe, dotato di coda baffi e artigli. Ti guarda, guarda la sua ciotola Koziol vuota e fa “MIAAAAAOOOOO”. Disperato. Guardi l’orologio e pensi che ti ha fatto alzare alle 5AM perchè stava affamato. Ma ha ancora fame.
Cellulare.
Lo accendi e per fortuna è muto.
Ipod.
Per sopravvivere metti Mario Biondi e canti come una disperata I can’t keep from cryin’ sometimes, mimando il pianoforte in pigiama, scalza, mentre maledici il giorno passato, l’essere che sta nella tua stessa stanza e benedici il Signor Bialetti che ha inventato Mokona con cui hai amplessi che ricordano i Baccanali. Ti destreggi in cucina con il braccetto in mano e cerchi il barattolo del caffè e il pestello e nel frattempo canti Gig che fa tanto Natale, in attesa di sparare per una dozzina di volte al giorno Last Christmas, cantandola mentre lavi i piatti e ti ingozzi di noci, nocelle e struffoli.
Capo Mefistofelico, dispotico, infame.
Ti lascia un messaggio in segreteria e ti dice che ha bisogno, tanto bisogno di TE. E te pensi… Arezzo…. oggesù e come ci arrivo adesso?

Poi chiami la Mamma. Così. Per sfizio.
“Mamma che palle devo andare ad Arezzo per lavoro! Mamma c’è anche la Fiera e Faccia da Scrofa o PigFace come la vuoi chiamare! Mamma, maledetto Facebook! Mamma, Mamma… MAMMMAAAAAAAAAAAA”
“……”
“ma quanto stai ad Arezzo?”
“Poco, tranquilla! Torno sabato!!!”
“Ecco lo sapevo! te vuoi impedire il mio divertimento! Ma dico io! Un giorno in più no eh? Ecco, io dovevo comprare la cristalliera per il salone e te… TE invece vuoi SABOTARE il mio divertimento! sei una figlia DEGGGGGENERATA”
“…… Mamma, ma quando volevi venire?”
“Domenica!”
“Solo domenica?”
“SI!”
“296 km all’andata e 296 a ritorno per comprare una cristalliera?”
“SI”
“592 Km per una cristalliera, in una sola giornata”
“SI SI E SI”
“Ah”
“Che c’è, o razza di figlia sciagurata ed egoista?”
“Posso dirti una cosa in tutta sincerità?”
“…Dipende”
“MA VAFFANCULO VA'”

Non ci sono più i CCCP Fedeli Alla Linea di una volta

Il mio capo monarchico massone radiacale ma un po’ socialista e soprattutto borghese fino al midollo, ogni tanto ha deliri complottistici mondiali. Nella mia testa si moltiplicano immagini di lui sfatto con mutande azzurrine e barba lunghissima che ipotizza associazioni filomafiose che potrebbero legare Caravaggio alla Mafia del Brenta, la mostra di Boldini a Montecatini con l’Anonima Sarda, Gotha con la ‘Ndrina.
Lui ne è convinto e sta 3 ore a illustrarmi modelli di complotti che io, ahimè candida come Candido con la candida, non comprendo. Così dopo 2 ore, in cui divento Hello Kitty dindondera che ho sulla scrivania, non capisco più un cazzo e un posto da 4€ ad articolo a La Nazione, noto giornale simpatizzante dei tempi che furono, mi pare un paradiso che mi farà comprare un enorme attico al centro di Casale Monferrato.
L’altra ora la passo a vagliare questa ipotesi: ho 28anni e ormai sono in ritardo per fare un’orgia, un viaggio on the road in America, scegliere giurisprudenza, andare a un concerto dei Subsonica e lanciare un reggiseno a Samuel, comprarmi quei simpatici reggiseni Wonderbra Teens, girare con “quasette” con le ciliege, stabilire legami duraturi, ri-farmi l’occhio artistico, fare tardi la notte, dormire con la maglietta della Abercrombie & Fitch che è diventata sottile come il velo della Veronica, imparare il parcheggio a retromarcia, scopare in auto, mangiare Mars, Twix, Sneakers pastellati e fritti per colazione accompagnati da bottiglia di Bayles e Chicchirichì (o Negrettini), Milk Away (introvabili nella loro confezione originale ‘mmericana, morbidi, buoni da pucciare nel latte, mi sa che sono rimasti solo in Messico), dimenticare la sacra mossa del “Dividi-Lecca-Pucci” Oreo, fare Thai Chi, portare pantaloni a vita bassa e Adidas Stan Smith, All Star coi teschietti e soprattutto essere Hello Kitty dipendente.

164242070_694381c8b5

Poi immagino di essere una fighissima versione di Ling Xiaoyu e di ucciderlo perchè io, oltre ad essere la custode di Panda, sono una pluriomicida, esperta di arti marziali cinesi basate sugli stili Hakke Sho e Hika Ken. Dopo averlo ucciso con un Roundhouse Kick (e va bene anche un mid roundhouse kick, data l’altezza) che gli ha frantumato l’osso del capocollo lui mi chiama, io emergo dallo stato di trans e dico “SI”. Dopo 3 minuti penso che effettivamente la Mae Mai Muay Thai potrebbe essere sostanzialmente più efficace.
Quindi partecipo a complotti allucinanti perchè sono allucinata da pensieri diabetici e cruenti, complotti che non condivido. Secondo me la vita è più semplice, la gente si ammazza per cose serie, tipo la casa, la raccolta differenziata, la lista degli scostumati ambientali di Ercolano, Karina che urla alla Talpa, Franco Trentalance e il suo mitico “Uncut”… che sono davvero problemi concreti. Ad esempio Rocco va in tiro quando vede una prostituta per strada, e poverino, il fatto di non girare film porno lo avvilisce e impalla, io e Rossana dialoghiamo ore sulla inconsistenza materica della cucina by Ikea, il mio gatto è sensibile di stomaco ma ladro di mortadella coi pistacchi, ci sono le performance artistico-fotografiche di culi nudi che guardi e dici “ma cazzo! è il mio!”, c’è San Gennaro, San Giuda & Taddeo…

La gente spesso, caro il mio Master Chief dell’editoria, sceglie perchè è dotata di gonadi, di amicizie, intrallazzi, amanti e buchi da riempire. Un commento sull’articolo non è un “commento pilotato da quegli ex rifondaroli ora psiconanisti e filoputinisti” è una che ha detto “toh sta mostra mi ha fatto cagare” come a me ha fatto cagare quella di Giulio Cesare (anche se “La morte di Cesare” di Camuccini e “La morte di Cleopatra” di Jean André Rixen sono davvero notevoli dal vivo), perchè magari il suo occhio la vede così. Dimentico però che le persone con un ego smisurato, spesso, si sentono sempre in grado di capire la verità nascosta che è insita nelle parole di ognuno. Infatti io gli scrivo e viene fuori che sono una complottista, ho manie di grandezze, calcolo appositamente di mandare e-mail in alcune caselle di posta perchè così faccio il partito pro-Ale solo perchè 3 colleghe parlano bene di me e una invece sputa veleno su di me, l’Impavida Puntinista (eh….si….eh….), che mai mi ha visto e che farà pure tante cose ma è una pessima scrittrice.
Cose non vere, offensive, pessime.

Una mattina mi sveglierò e davvero romperò l’osso del capocollo a Master Chief dell’editoria e Faccia da Scrofa mentre gli racconterò di come non sono d’accordo di togliere l’acqua a Eluana, di come le condanne per l’irruzione alla Diaz mi sembrino solo delle prese per il culo perchè, ovviamente, dovete credere che la polizia comunque agisce bene, quello che avete visto era solo autodifesa dello stato, illusioni collettive, lì non è successo niente, badate bene, che i Writers sì, sono gli artisti del nuovo millennio e che bisognerebbe prendersela con i ragazzini che taggano anche il mio palazzo perchè fa figo inventarsi una sigla, che il Quartiere Nicolosi a Latina è lo spettro della paura di una città xenofoba, razzista e fascista che dorme sempre, sognando il Dux-Lux di altri tempi.
Una mattina mentre gli porterò via lo schedario degli indirizzi e contatti gli alzerò il dito medio e spiegherò a Faccia da Scrofa che la sodomia non è per niente male.

La soddisfazione è….

…. Quando sei nel periodo Mostriciattola Molesta & Malinconica, quando tutto va a schifìo e il tuo umore è sotto le scarpe, qualcuno scappa in Alaska e non ti risponde al cellulare, quando scrivi scrivi e nessuno se ne accorge…. ti arriva la telefonata di uno che fa il Press Agent Cazzuto e ti fa:

“Alessia? Ciao sono E.S.F della ArtXXXX. Volevo ringraziarti primo per essere venuta alla conferenza e poi per l’articolo che hai scritto. Io e C.P siamo rimasti estasiati! Ero a una conferenza stampa alla Rai, mi hanno avvisato del tuo articolo e ti ho chiamato! Grazie, complimenti per la bella penna che hai! sai quest’asta sarà un successo! ti spiace se ho dato il tuo numero a C.P? voleva ringraziarti”.

No, E., anzi: in un anno di gavetta-lavoro penso che tu sia la prima persona veramente nobile e gentile che io abbia mai incontrato.

E anche se C.P non chiamerà, sono così felice che quasi non ci credo.

Grazie.

p.s: sì, mi ricordo la telefonata a memoria.

0re 18:54. E sì, C.P ha telefonato, e ha detto che perfino gli artisti sono rimasti contenti, un articolo “piacevole da leggere, semplice e chiaro”

Che sia finito il periodo sfiga?